Prg, arriva il commissario. E il Comune paga.

Può costare 500 euro al giorno non consultare la Posta elettronica certificata (PEC) di un ente locale? Può succedere. E succede al Comune di Misterbianco. Dove, non aver aperto la casella per vedere che messaggi ci fossero ha provocato la nomina di un commissario ad acta per il Piano regolatore: è Mario Megna, funzionario dell’assessorato regionale al Territorio e Ambiente. È stato nominato in sostituzione del sindaco per definire gli adempimenti necessari a trasmettere gli atti al Consiglio comunale.

Nominato perché nessuno si è preoccupato di rispondere all’assessorato che, il 27 novembre del 2015, aveva già diffidato il sindaco. Ma l’aveva fatto con la PEC. E siccome fino ad aprile 2016 nessuno ha aperto la casella del Comune, l’assessorato è andato avanti nel suo intervento sostitutivo: Megna si è insediato il 4 maggio, ha scritto al settore Urbanistica, al sindaco Di Guardo e al presidente del consiglio comunale Marchese, per chiedere una relazione sullo stato delle cose.

E lo stato delle cose è che il Piano regolatore generale è stabilmente negli uffici del Genio civile di Catania. I tecnici, prima di esprimere il parere di fattibilità sulle condizioni geomorfologiche del territorio, sono in attesa che il Comune risponda a undici rilievi avanzati dal Genio.

Appena saputa la notizia, l’opposizione politica ha colto l’occasione per criticare l’atteggiamento dell’amministrazione comunale.

«Per il Prg purtroppo non cambia niente – ammette Serafino Caruso, consigliere comunale di Famiglia, Lavoro e Solidarietà – restiamo impantanati al Genio civile, con le undici osservazioni, fra cui alcune molto pesanti, alle quali il Comune dovrà porre rimedio. E sarebbe bastato rispondere questo alla Regione per evitare il commissariamento. Invece, il commissario non potrà fare altro che prendere atto della situazione, però lo farà a spese del Comune. Purtroppo, il sindaco vive in un mondo tutto suo e ancora una volta causa danni economici per la sua inerzia».

Il consigliere Salvatore Foti (Amo Misterbianco) ha portato la vicenda in consiglio comunale e ha chiesto le dimissioni dell’assessore all’Urbanistica Stefano Santagati: «L’insediamento del commissario è avvenuto a causa di un’inadempienza dell’amministrazione comunale. La Regione ha inviato diverse note tramite PEC, ma il problema è che nessuno in questi mesi ha aperto la casella, per cui né l’assessore né gli uffici competenti erano informati». «La grave conseguenza – denuncia – è un esborso economico pari a 500 euro al giorno, costo che graverà sempre sulle spalle dei cittadini. Per questo ho chiesto le dimissioni dell’assessore».

Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi