“L’amministrazione Di Guardo? Quattro anni di ‘panem et circenses'” A un anno dalle elezioni, l'opposizione boccia l'attività amministrativa della giunta

Una politica vecchia da “panem et circenses”. I consiglieri comunali di opposizione scomodano il poeta latino Giovenale per bocciare quattro anni di amministrazione Di Guardo. A un anno dalle elezioni comunali, Maria Antonia Buzzanca, Serafino Caruso, Salvo Foti, Matteo Marchese, Aldo Parrinello, Marcello Russo e Michele Tenerello in una conferenza stampa fanno il punto della situazione.

E non lesinano critiche. “Mancanza di programmazione, promesse non mantenute, sprechi di denaro pubblico”, denunciano all’unisono. Se non è un fallimento poco ci manca, verrebbe da dire. E poi la ricerca dell’approvazione pubblica attraverso la distrazione, i palliativi o la semplice soddisfazione delle esigenze immediate. Il ‘panem et circenses’ appunto. Per i consiglieri comunali, “con poco riguardo al servizio pubblico”.

Eccole le promesse non mantenute: un Piano regolatore generale attualmente commissariato e fermo al Genio Civile. “E dire – sottolineano i consiglieri – che il 19 febbraio era stato presentato in pompa magna, mentre appena dieci giorni prima il Genio Civile aveva mosso 11 pesanti rilievi. Ora c’è il commissario e appena uscirà dal Genio, il consiglio avrà 45 giorni per adottarlo, pena il commissariamento anche del consiglio comunale. E ancora non abbiamo avuto neanche una carta”.

E poi l’assistenza agli anziani rimasta ferma al palo; l’asilo nido partito solo grazie ai fondi Pac-Servizi alla persona; il degrado, con sporcizia ed erbacce nelle frazioni e in periferia; l’aumento delle tasse, con l’addizionale Irpef comunale elevata dallo 0,4 allo 0,8; l’aumento della tariffa dell’acqua.

Buzzanca, Caruso, Foti, Marchese, Parrinello, Russo e Tenerello sottolineano anche le spese di questi quattro anni, definite veri e propri “sperperi”: 100mila euro per i paletti sui marciapiedi; 200mila euro di mutuo per giochi e altalene; oltre 4 milioni per la cosiddetta pista ciclabile; 80mila per un progetto di videosorveglianza mai partito; 24mila euro per solo spese di trasferimento dell’assessore Angela Vecchio da e per Randazzo.

“Con un’aggravante per quest’ultima – afferma Marchese – che avrebbe dovuto portare la sua esperienza nel cosiddetto ‘Patto dei sindaci’ per il Piano di azione per l’energia sostenibile. Basta invece fare una ricerca su internet e rendersi conto che Misterbianco non vi ha presentato alcun progetto”.

Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi