Discarica, torna il presidio spontaneo dei Comitati per bloccare i camion A Tiritì, i manifestanti contro l'ordinanza regionale che proroga l'emergenza

La molla è l’ennesima ordinanza: la 12 rif del 22/07/2016. Che per i Comitati No Discarica Misterbianco e Motta è “fuorilegge”. Ecco perché stamattina, alle 3 e 59, si sono riuniti in via Verdi angolo Sp13, vicino al chiosco di contrada Tiriti: è il presidio spontaneo contro l’ennesima proroga sui rifiuti.

Secondo i Comitati una ordinanza che “non è ratificata dal ministero dell’Ambiente, e siamo oltre i 18 mesi in cui un ordinanza contingibile e urgente può essere reiterata ai sensi dell’art. 191 comma 4 del Codice dell’ambiente, solo con l’avallo del ministero”. Un’ordinanza in cui al comma 2 dell’art. 2 si decide di spedire tra Motta e Siculiana il carico ‘biostabilizzato’ di altri 22 comuni del Trapanese, lasciando l’umido a Bellolampo.

“Ma le due comunità non si arrendono”, avvertono i Comitati di Misterbianco e Motta Sant’Anastasia. E la lotta continua con lo strumento pacifico del blocco dei compattatori, dei Tir, dei camion che, secondo i Comitati, “scaricano illegittimamente in una discarica abusiva, perché sorge a meno di 5 chilometri dall’abitato, come impongono sia le direttive europee, sia il Piano rifiuti pure in forma ectoplasmatica (legge reg. n.9 del 2010), e sia il buonsenso.

“Per non parlare degli studi epidemiologici – aggiungono – sull’aumento dell’incidenza dei tumori e della malattie alle vie respiratorie per chi abita a meno di 2/3 chilometri da una discarica, cioè il 33% in più di rischio rispetto a chi non vive vicino a una discarica”.

In realtà, ammettono però sconsolati, i compattatori entrano dall’ingresso principale. Due Tir vengono bloccati. “Dicono di trasportare mattonelle, ma lasciano una scia di percolato inconfondibile!”, rivelano i Comitati. Con loro anche i Carabinieri arrivati sul posto a sorvegliare l’ordine pubblico.

I manifestanti hanno anche affisso un manifesto in cui spiegano le ragioni per cui si considerano traditi dal presidente Crocetta per il mancato rispetto degli impegni presi il 10 giugno a Palermo, nell’incontro con sindaci e comitati invitati, a seguito della grande manifestazione di oltre 4000 persone dello scorso 7 giugno.

manifesto_traditi_no_discarica

I Comitati ora aspettano fiduciosi i risultati dell’ARPA CT che ha monitorato nelle settimane precedenti qualità e quantità di sostanze e scie odorose emesse nelle vicinanze della discarica.

“Ma la chiusura della discarica non è questione di puzza – sottolineano – la discarica è illegittima, abusiva, non avrebbe dovuto sorgere lì, non avrebbe dovuto essere autorizzata in assenza di conformità urbanistica”.

“La discarica va chiusa – concludono – perché non avrebbe mai dovuto nascere a meno di 500 metri dal centro abitato di Misterbianco e a meno di 800 metri dal centro abitato di Motta”.

Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi