Discarica, Di Guardo-Carrà eterni duellanti come nel film di Ridley Scott

È una sfida infinita. Come nel primo film di Ridley Scott. Come tra Gabriel Feraud (Harvey Keitel) e Armand D’Hubert (Keith Carradine). Tra i due sindaci Nino Di Guardo e Anastasio Carrà ormai è così. Ma non è una storia di cappa e spada. Né la vecchia e stantia questione di campanile tra “Mustarianchisi spetti e puliti” e “babbi da Motta”. E non c’è di mezzo la nobildonna Madame de Lionne, come nel film tratto dal racconto di Conrad.

L’oggetto del contendere è una discarica. Anzi due: la nuova di Valanghe d’Inverno e la vecchia Tiritì. Che stanno in mezzo ai due centri abitati di Misterbianco e Motta Sant’Anastasia. E l’ultima puntata della lunga vicenda che le riguarda, con i dati raccolti dall’Arpa sulla qualità dell’aria tra i due Comuni, marcata dalle emissioni di biogas dell’impianto.

Da un lato, Di Guardo-Feraud lanciava strali contro il biogas, “l’imbroglio” della discarica e la Regione, e mandava le carte dell’Arpa in Procura. Dall’altro, Carrà-D’Hubert scriveva al Dipartimento regionale Energia e Rifiuti, al ministero dell’Ambiente, all’Asp di Catania, al Noe: è disposto anche a far chiudere la discarica se gli enti destinatari certificheranno la nocività delle emissioni.

Non l’avesse mai fatto! Appena i primi applausi scrosciavano al di qua e al di là del centro medievale, un fuoco pirotecnico si scatenava dalle stanze di via Sant’Antonio Abate. E senza questioni di calibro o di distanze. “Basta con le ambiguità – ha tuonato Di Guardo-Feraud – se il sindaco di Motta S. Anastasia ha il potere di chiudere la discarica, lo eserciti subito, io al suo posto lo avrei già fatto.”

E piazza la stoccata: “Non cerchiamo di illudere i nostri cittadini, non possiamo aspettare 30 anni per avere dei risultati che non leggeremo in quanto saremo già morti. I valori riscontrati sono già al di sopra di tutti i minimi previsti dalla legge e la discarica deve stare lontana dai centri abitati ed invece è vicina alle nostre case ed alle scuole dei nostri bambini.”

Il duello tra i due è iniziato da quando sono seduti sulle poltrone più calde dei rispettivi Comuni. Dalla stele del Poggio Croce si adombravano conflitti d’interesse a Carrà-D’Hubert, dal dongione normanno si rigettavano le accuse. Ma i duellanti sembravano aver raggiunto una tregua, con la richiesta congiunta di un incontro alla Regione, dati dell’Arpa alla mano, almeno per fermare le ordinanze di proroga. Ora l’ultima scaramuccia. A quando il finale?

Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it