Belsito, un appartamento confiscato sarà destinato agli sfrattati incolpevoli È stato consegnato al Comune di Misterbianco che dovrà preparare il bando

Sarà destinato a una famiglia sotto ‘sfratto incolpevole’ l’appartamento confiscato nel quartiere di Belsito. L’immobile è stato consegnato al Comune di Misterbianco da Ettore Cocina, coadiutore nominato dall’Agenzia nazionale beni confiscati.

L’appartamento è al primo piano di un fabbricato a tre elevazioni; è in ottime condizioni e può essere subito utilizzato. L’amministrazione comunale intende destinarlo agli sfrattati incolpevoli o a famiglie meno abbienti che si trovano in condizioni disagiate.

“Desideriamo rafforzare sul nostro territorio il diritto alla legalità – ha dichiarato Marco Corsaro, vice sindaco e assessore ai Servizi sociali – e così come fatto in passato per altri beni confiscati al potere mafioso, anche questo sarà destinato a finalità sociali e, in questo caso, per fronteggiare la piaga del disagio abitativo. Appena gli uffici avranno pronto il bando lo metteremo a disposizione di coloro che ne hanno più bisogno.

Per morosità incolpevole si intende una situazione di sopravvenuta impossibilità a pagare il canone di locazione, dovuta alla perdita o a una consistente riduzione del reddito del nucleo familiare.

L’articolo 2 del decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti del 30 marzo 2016 cita tra i fattori che possono determinare tale condizione, a titolo esemplificativo la perdita del lavoro a seguito di licenziamento; una notevole riduzione dell’orario di lavoro legata a accordi aziendali o sindacali; una elevata riduzione del reddito per effetto di cassa integrazione ordinaria o straordinaria; il mancato rinnovo di un contratto di lavoro a termine o atipico; la cessazione di imprese registrate o attività da libero professionista derivante da cause di forza maggiore o perdita di avviamento; il decesso, la malattia grave o l’infortunio di un componente del nucleo familiare.

Per aiutare i morosi incolpevoli a pagare l’affitto, però, il governo nazionale ha istituito un fondo. Il decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti del 30 marzo 2016, entrato in vigore il 9 agosto, ha stabilito la ripartizione delle somme stanziate: il 30% del fondo è suddiviso tra le regioni Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Campania, Puglia, Sicilia; il restante 70% è ripartito tra tutte le regioni e le province autonome.

Spetta poi alle Regioni individuare i Comuni ad alto disagio abitativo ai quali destinare le risorse del fondo, che assegneranno i contributi agli aventi diritto.

Lo scorso mese di gennaio, con una propria nota, il Comune di Misterbianco aveva manifestato interesse ad acquisire l’immobile di Belsito, per destinarlo a finalità sociali e in particolare per essere assegnato agli sfrattati incolpevoli del territorio comunale.

Firmato il decreto di assegnazione, il bene è stato preso in carica dopo un sopralluogo con i funzionari del comune. Nel 2016, il Comune ha già consegnato a una associazione sociale dei terreni per svolgere attività di recupero.

Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi