Elezioni 2017, con Di Guardo in giunta Santapaola e Marchese, e con Parrinello presidente? Domani la conferenza stampa, ma abbiamo alcune indiscrezioni

Uno per la periferia, uno per il centro: Carmelo Santapaola e Matteo Marchese. Saranno i nomi degli assessori che domani farà Nino Di Guardo come prime indicazioni?

Nella Sala matrimoni del Palazzo del Senato, il sindaco uscente e ricandidato alle prossime elezioni dell’11 giugno, con i rappresentanti delle liste a suo sostegno, terranno una conferenza stampa.

Verrà annunciata la manifestazione di apertura della campagna elettorale che si terrà venerdì 21 aprile alle 18, presso l’Auditorium Nelson Mandela. La scelta della prestigiosa sede ha sollevato da recente una polemica tra il nostro giornale e il candidato Di Guardo.
Ma domani, l’occasione sarà sfruttata anche per indicare i nomi di alcuni assessori che faranno parte della sua futura giunta. Misterbianco 3.0 è in grado di fare alcune anticipazioni, che tengono conto dei movimenti preparatori degli ultimi giorni.

Il primo è Carmelo Santapaola, intestatario della omonima lista ‘Unione Civica per Misterbianco – Santapaola’, molto presente nei quartieri di periferia; già vice sindaco nel 2012, per essere approdato dal centro-destra alle file diguardiane. Santapaola si era dimesso nell’estate del 2014, perché sfiduciato da Di Guardo che riteneva la parte di maggioranza che rappresentava “di fatto contraria alla mia battaglia contro la discarica”.

L’altro è Matteo Marchese, attuale vice presidente del consiglio comunale, eletto nel 2012 con il centro-destra, nella lista dell’MpA. Marchese aveva abbandonato le file lombardiane per arrivare poi, nel 2016, alla corte del deputato regionale acese Nicola D’Agostino e di ‘Sicilia Futura’ di cui oggi è segretario provinciale.

Due personalità differenti, come i due modi di interpretare la politica. Da un lato, dopo le dimissioni, Santapaola ha preferito tenere un profilo basso. Più volte tirato in ballo per rientrare in giunta, è rimasto alla finestra per valutare gli eventi. Di lui si era anche parlato come di un possibile candidato a sindaco.

Dall’altro, Marchese e il suo gruppo ‘Misterbianco futura’ si sono distinti nell’opposizione all’amministrazione comunale: appena pochi mesi fa, nel mese di dicembre 2016, Marchese aveva dato del “bugiardo” a Di Guardo sulla vicenda di un parcheggio. Anche per Marchese si era parlato di una candidatura a sindaco. Poi di un sostegno all’ipotesi Gullotta per il centro-destra. Alla fine della fiera, è arrivato tra le braccia di Di Guardo.

Per la presidenza del consiglio comunale viene dato per certo il nome di Aldo Parrinello da Belsito. Parrinello nel 2012 era stato eletto nella lista del PdL (Popolo delle libertà) con il centro-destra. Si era subito avvicinato al deputato regionale Luca Sammartino. Nel 2014, era transitato nel super gruppo d’opposizione ‘Vivi Misterbianco Libera’; nell’estate del 2015, aveva anche firmato una mozione per sfiduciare Di Guardo. Ora, con la lista ‘Ama Misterbianco’, sostiene il sindaco uscente.

Se questo è l’inizio, come sarà il prosieguo?

Nella foto, da sinistra: Carmelo Santapaola, Aldo Parrinello, Matteo Marchese.

Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it