…E dalla Ciminiera piovono migliaia di euro per un progetto che (forse) non si farà mai Incarico di 39mila euro all'ingegnere Giovanni Calabrese, associato allo studio Ellenia+3 con l'esperto del sindaco

Una ciminiera da mettere in sicurezza, un progettista vicino all’amministrazione comunale, un incarico in affidamento diretto da 39mila euro. E un lavoro da un milione e 250mila euro i cui fondi devono ancora essere trovati.

Sono gli elementi di una vicenda che ha contribuito a riaccendere la polemica in campagna elettorale. Prima i consiglieri comunali uscenti e ricandidati Serafino Caruso (Buzzanca Sindaco) e Salvo Foti (Corsaro Sindaco) hanno postato su Facebook un uguale commento; poi, nel comizio di domenica 4 giugno, è stato il candidato sindaco Corsaro a parlarne direttamente dal palco.

Ecco il post su Fb: “Con determina n.1443 del 25-05-2017 è stato conferito un incarico professionale all’ingegnere Giovanni Calabrese per il progetto della messa in sicurezza della ciminiera dello Stabilimento Monaco. Senza entrare nel merito dei lavori a mio giudizio necessari, mi chiedo e vi chiedo, con tanti bravi tecnici interni al comune perché un tecnico esterno? Risposta: forse perché il tecnico in questione lavora nello Studio ELLENIA+TRE di cui fa parte pure l’ingegnere Carmelo Russo da sempre esperto a pagamento del sindaco Di Guardo? Mettiamola così, la somma di euro 39393,16 al limite dei 40 mila previsti dall’affidamento diretto senza passare dalla gara, viene corrisposto a titolo di liquidazione”.

Tutti e tre i candidati hanno stigmatizzato la vicenda addossandone la responsabilità ‘politica’ al sindaco Di Guardo. In realtà, l’incarico all’ingegnere Calabrese è stato affidato con una delibera di settore, dal responsabile dell’Ufficio tecnico comunale, l’ingegnere Enzo Orlando.

La Ciminiera dello Stabilimento Monaco, come si legge nella delibera, “presenta un allarmante quadro fessurativo e si sono già manifestati distacchi di mattoni dalla sommità del paramento murario della stessa”. Inoltre, “i resti delle alte murature longitudinali del corpo situato lungo la via Galliano sono rimaste prive di murature trasversali di controvento, di solai collegamenti orizzontali e della copertura”.

L’affidamento esterno è stato motivato dai tempi ristretti per redigere il progetto e, quindi, cercare i finanziamenti, e dall’insufficienza dell’organico del personale tecnico comunale, impegnato a sua volta nella redazione di progetti e nella direzione di lavori per realizzare altre opere pubbliche.

Certo, di coincidenze che riportano alla volontà politica del capo dell’amministrazione ce ne sarebbero. Una fra tutte, segnalano gli oppositori: l’ingegnere Calabrese è un professionista inserito effettivamente nell’organico dello studio Ellenia+3 di Tremestieri Etneo (Catania), dove troviamo anche l’ingegnere Carmelo Russo, esperto a titolo oneroso del sindaco Di Guardo.

E se il consigliere Caruso si limita a definire ironicamente la vicenda una ‘cortesia istituzionale’, una sorta di ‘liquidazione’, Foti la bolla, senza mezzi termini, come una ‘fangata’ (sic!). Mentre Corsaro inserisce la delibera nel lungo novero di incarichi, più o meno pre-elettorali, mirati, secondo lui, a favorire solo poche imprese e sempre quelle.

Ma perché il progetto avrebbe poche probabilità di realizzarsi, nonostante dall’ufficio tecnico se ne sottolineino urgenza e tempi ristretti? È una questione di.. soldi.

I lavori per la sola Ciminiera, al costo di 250mila euro, erano già inseriti nel piano triennale delle opere pubbliche, finanziati con residui di mutui. Nel 2016, l’intervento venne esteso anche alle murature che danno su via Galliano, per il quale però ci voleva un altro milione di euro, ottenibile da fondi europei. Oggi, nel nuovo piano triennale la fonte di finanziamento è sparita.

Forse, l’amministrazione comunale si è resa conto di non essere capace a trovare fondi in Europa, nonostante la presenza di un esperto assessore? Certo avere un progetto esecutivo pronto, se ci fossero bandi ad hoc, assicurerebbe un vantaggio. Ma se non ci fossero bandi europei, dove trovare un altro milione di euro?

Sempre che ci sia la volontà di fare l’intervento, non solo di farlo progettare a fine mandato elettorale.

Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi