“Essere o non essere, presidenza del consiglio o giunta?” Il dilemma che blocca Di Guardo A diciassette giorni dalle elezioni Misterbianco non ha ancora una giunta municipale operativa. Che cosa è successo?

Nel 2012, in tre giorni era già tutto stabilito: mercoledì 9 maggio era stato proclamato vincitore, giovedì 10 maggio aveva annunciato i componenti della giunta, venerdì 11 maggio gli assessori avevano giurato. E al sabato la festa in piazza Mazzini. Tutto ad appena cinque giorni dal termine delle lezioni del 5 e 6 maggio.

Cinque anni dopo, che cosa è successo? Dall’11 giugno a oggi, sono passati 17 giorni. Diciassette lunghi giorni e Misterbianco non ha una giunta. Diciassette giorni in cui il novero degli assessori è apparso come l’omerica tela di Penelope: di giorno si faceva, di notte si disfaceva. Diciassette giorni passati tra tirate di giacca degli alleati, della prima e dell’ultima ora, a reclamare un posto al sole, anche… a tempo determinato.

Gli alleati: stavolta Di Guardo non può non tenerne conto. Se nel 2012, aveva potuto costruire una giunta quasi tutta a sua misura (ricordiamoli: Carmelo Santapaola, vicesindaco; Pippo Bongiovanni, impiegato comunale; l’avvocato Angela Vecchio; l’allora preside Santo Mancuso; Barbara Bruno e Anna Lisa Russo), nel 2017 a premere sono i nuovi big della politica locale.

Sono le loro indicazioni a prevalere e a creare i primi malumori nella coalizione. In quello che sarà il nuovo consiglio comunale, i consiglieri della coalizione di Di Guardo legati ai deputati regionali in ascesa nel panorama politico catanese e siciliano sono in grande maggioranza. Quanto resterà della proverbiale autonomia/autarchia diguardiana sarà tutto da vedere.

Come se non bastasse, è proprio una lista alleata a complicare il calendario della nuova giunta: Misterbianco Civica, alla quale parrebbe essere stata assegnata la presidenza dell’assemblea comunale neo eletta. Tra i due consiglieri guadagnati dalla lista (ultima arrivata nella coalizione che ha superato lo sbarramento del 5%) sarebbe la seconda, Anna Pestoni, che dovrà essere eletta dal consiglio a occuparne la prima poltrona.

Ma per evitare sorprese dell’ultima ora e non dover rimettere in discussione tutti gli accordi, sembra che i responsabili di Misterbianco Civica abbiano posto come pregiudiziale, al varo della nuova giunta, l’elezione della Pestoni: cioè, prima si convochi il consiglio comunale, si elegga la presidente, e poi il sindaco può ufficializzare i nomi e far giurare gli assessori.

Quale sarà il dubbio amletico che si è insinuato nella mente del confermato sindaco?

Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi