Scuola e cantieri, Guardiamo Avanti: “Scongiurare i doppi turni alla Gabelli” Appello all'amministrazione comunale per i cantieri ancora aperti in alcuni istituti scolastici comunali

“Scongiurare disagi e doppi turni nelle scuole Aristide Gabelli e Padre Pio da Pietralcina con cantieri ancora aperti”. È l’appello che il consigliere comunale Lorenzo Ceglie (Guardiamo Avanti) e dell’ingegnere Santo Tirendi, assessore-ombra all’Urbanistica e ai Lavori pubblici del movimento Guardiamo Avanti, rivolgono all’amministrazione comunale.

Il timore è nato dopo i sopralluoghi della 5a commissione consiliare nelle scuole comunali e gli incontri le dirigenti scolastiche dei plessi coinvolti in opere di manutenzione ed edilizia scolastica.

In particolare, ha destato preoccupazione la situazione dell’edificio dell’istituto Gabelli, nel centro storico, dove sono ancora in corso lavori per rifare la facciata, sostituire le imposte con moderne a protezione termica e con vetri antisfondamento e migliorare la sicurezza dell’edificio.

“È giusto che si facciano i lavori per migliorare le nostre scuole – affermano Ceglie e Tirendi – ma risulta evidente che occorre strutturare al meglio la programmazione degli interventi per evitare disagi alla popolazione scolastica e alle loro famiglie”.

“Si scongiurino i doppi turni – ribadiscono – e si cerchino nel più breve tempo possibile soluzioni adeguate per entrambi i plessi. L’inizio della scuola è alle porte. Cogliamo l’occasione per ringraziare la grande operosità dei dirigenti scolastici che come sempre si mostrano pronti e disponibili nella risoluzione di problemi e attività di gestione”.

Per i lavori di manutenzione dell’istituto comprensivo Gabelli c’è un finanziamento di 714 mila euro dai fondi PAC. A essi, si sono aggiunti altri 314mila euro di un finanziamento richiesto dalla precedente amministrazione nel 2011.

Nella foto, da sinistra il consigliere comunale Ceglie, l’assessore-ombra Tirendi

Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi