Sport e cultura: Attiva Misterbianco presenta il libro ‘Di corsa. Of course!’ Giovedì 28 dicembre allo Stabilimento Monaco

Riceviamo e pubblichiamo da Attiva Misterbianco

In Italia la corsa è lo ‘sport diffuso’ per eccellenza, perché correre si può sempre e ovunque. Dove, come e soprattutto perché gli italiani e le italiane scelgono di praticare sport? Che cosa vuol dire, per loro, fare attività sportiva? Il libro di Fabio Pagliara (segretario nazionale Fidal) e Livio Gigliuto (direttore Centro Sud dell’Istituto Piepoli) risponde a queste e molte altre domande prendendo spunto da un sondaggio sull’opinione pubblica italiana condotto proprio dall’Istituto Piepoli per Fidal nel corso del 2016 e che restituisce, forse inaspettatamente, l’immagine di un paese che ha molta più voglia di correre di quello che sembra! Una voglia raccontata anche attraverso la voce di importanti protagonisti del mondo delle imprese, dei media, dello spettacolo che testimoniano l’importanza della corsa per il benessere psicofisico delle persone. Ma il libro non si ferma solo a questo.

Gli autori si spingono fino a immaginare ‘città a misura di sport’, dove l’azione delle comunità di sportivi spontanei, a partire dai runners ma non solo, genera impatti positivi nella trasformazione urbana, sottraendo luoghi al degrado, fornendo ai cittadini occasioni di "riconquista" di spazi pubblici e di socializzazione, con effetti positivi sul benessere dei singoli e della collettività.

Una prassi che fa emergere l’esigenza di nuove policies pubbliche in grado di ricostruire e consolidare un nuovo rapporto di fiducia dei cittadini con la politica.

Di questo si parlerà il 28 dicembre alle 18:00 nella sala Giarrizzo dello Stabilimento di Monaco, insieme ai due autori. La presentazione sarà condotta da Massimo La Piana (Attiva Misterbianco) e da Davide Bandieramonte (A.S.D. Atletica Misterbianco Sport Club), testimone e a contempo protagonista assieme a tanti, della rinascita e dello sviluppo di una comunità di appassionati di corsa, di atletica e di sport che sta animando la vita sociale della nostra città e che è giusto coinvolgere nella discussione.

A partire dallo sport infatti si può ripensare la fruizione degli spazi, la riqualificazione dei quartieri con l’introduzione di servizi che incentivino la mobilità sostenibile, la progettazione complessiva della città del futuro e si possono creare nuove occasioni di interazione e di socializzazione tra cittadini.

Va in questa direzione la proposta che Attiva Misterbianco ha messo in campo assieme ad un’ampia rete di associazioni (Arci Makeba, A.S.D. Atletica Misterbianco Sport Club, Le Aquile, Misterbianco Channel TV, Rotary Eclub, Rotary Misterbianco) ma anche a singoli cittadini e amministratori comunali e presentata lo scorsa settimana in occasione della prima festa della solidarietà organizzata dal comune, di realizzare per la prossima primavera a Lineri una corsa non competitiva solidale. Un impegno che si intende riproporre anno dopo anno e che vuole promuovere la pratica sportiva, uno stile di vita sano e la fruizione condivisa degli spazi pubblici.

La presentazione del libro concluderà a Misterbianco una giornata interamente incentrata sullo sport, che vedrà qualche ora prima, alle 15:00 allo stadio “Valentino Mazzola”, vecchie glorie del calcio convocate da Alberto Costanza, scendere “idealmente in campo” per ricordare assieme alle famiglie e a tanti appassionati, Mario Privitera e Filippo Trovato, sportivi misterbianchesi troppo presto strappati alla vita.

Misterbianco 23 dicembre 2017

Attiva Misterbianco

Rosario Nastasi
Seguimi

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?
Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi