Ancora guai per Vito Chinnici: colpisce un carabiniere e viene arrestato. Lunedì il processo Il giovane sceso dalla gru della metropolitana all'una di notte, era tornato nella zona del cantiere intorno alle 19.30

L’arresto in caserma dopo le 30 ore passate sulla gru. E lunedì processo per direttissima. Il magistrato aveva graziato Vito Chinnici dopo la denuncia dei carabinieri per lesioni personali ai danni di un vigilante e per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità giudiziaria: era tornato a casa.

Ma il suo karma l’ha tradito ancora: intorno alle 19 di oggi (sabato 22 settembre) il padre si presenta al comando di polizia locale per avvertire che il figlio si era allontanato per tornare al cantiere. Il timore è che volesse risalire sulla gru.

Scatta l’allarme e mette in subbuglio le forze dell’ordine cittadine, impegnate nel controllo della manifestazione del carnevale di fine estate. Dopo frementi conciliaboli, arriva la decisione: una pattuglia di vigili e militari dell’arma abbandona la kermesse carnascialesca e raggiunge la zona del cantiere della metropolitana.

Qui, il 28enne viene trovato nei pressi di un ristorate cinese, proprio di fronte al cantiere, in corso Carlo Marx, visibilmente agitato. Riescono a farlo salire in auto e portarlo in caserma. Ma una volta giunto nella sede della tenenza, il giovane reagisce ancora una volta e colpisce un maresciallo. Il fermo diventa inevitabile: l’arresto viene confermato e Chinnici trattenuto in caserma. Lunedì si terrà il processo per direttissima.

Condividi:

Redazione

La Redazione di Misterbianco 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi