Pista ciclabile, il Comune deve restituire 263mila euro alla Regione Riscontrata dal Genio civile una differenza tra l'importo complessivo delle spese e quello certificato

Il Comune di Misterbianco dovrà restituire alla Regione siciliana 263.695,57 euro: è il risultato della differenza tra le spese sostenute per realizzare la pista ciclabile e quanto certificato dal Servizio Ufficio Genio Civile di Catania.

Lo ha stabilito il decreto della Direzione generale dell’assessorato regionale alla Infrastrutture e alla Mobilità n. 3187/Serv. 10 del 12 dicembre 2017, registrato alla Corte dei Conti il 17 gennaio 2018. Tale decreto prendeva atto della documentazione di contabilità finale e del certificato di collaudo dei lavori relativi alla realizzazione dell’opera, nonché del Quadro economico finale dell’intervento.

Per la precisione, sull’importo complessivo di 3.784.462,92 euro, che riguarda le spese sostenute e rendicontate al 31 dicembre 2015 dal Comune per realizzare la pista, a seguito di due controlli del Servizio Ufficio Genio Civile di Catania è stato certificato l’importo di 3.443.438,70 euro, come si evince dal Sistema Informatico Caronte, sulla Linea d’intervento 6.1.3.4 del Programma Operativo FESR Sicilia 2007-2013.

La differenza tra i due importi è di 341.024,22 euro: somma a valere sul bilancio della Regione e non ammessa alla rendicontazione finale dei fondi strutturali del PO FESR 2007/2013. E quindi da restituire.

Come si arriva allora alla somma di 263.695,57? Si tratta di una compensazione tra l’importo di 341mila euro e l’importo di 77.328. Quest’ultima è una somma residua di cui il Comune di Misterbianco aveva chiesto l’erogazione nel mese di settembre del 2017, a saldo del finanziamento dell’intervento.

L’importo finale che dovrà essere restituito alla Regione è di 263.695,57 euro. Somma che sarà restituita nel corso dei due esercizi finanziari 2018 e 2019, mediante uguale ripartizione nei due anni. Una dilazione concessa dal Dipartimento regionale delle Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti, e richiesta dal sindaco Di Guardo il 26 aprile scorso.

La storia del progetto

Il 16 gennaio 2012, l’Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità – Dipartimento delle Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti approvava la graduatoria delle operazioni ammissibili a finanziamento nell’ambito della 2° Finestra – seconda fase dell’Avviso Asse VI – Linea d’intervento 6.1.3.4, nella quale si è utilmente collocata in graduatoria al primo posto l’operazione ricadente nel PISU “Città innovativa solidale e sostenibile” denominata “Pista ciclabile con sistemi combinati per la riduzione del traffico privato nelle aree urbane e suburbane” nel Comune di Misterbianco, per un importo pari a € 5.000.000,00

Il 23 dicembre 2013, con D.D.G. n. 3388/Serv.11, registrato alla Corte dei conti il 21/01/2014 al registro n. 1, foglio n. 10, a valere sulla Linea d’intervento 6.1.3.4 del PO FESR Sicilia 2007-2013 veniva finanziato il progetto relativo alla realizzazione di una “Pista ciclabile con sistemi combinati per la riduzione del traffico privato nelle aree urbane e suburbane”, nel Comune di Misterbianco (codice CUP G21B12000900006 e codice nel Sistema Caronte SI_1_10672), per un importo totale di € 5.000.000,00, di cui 4.039.673,36 euro per lavori a base d’asta, oltre a € 38.393,97 per oneri per l’attuazione dei piani di sicurezza, ed € 921.932,67 per somme a disposizione dell’Amministrazione.

Il 16 ottobre 2014, i relativi lavori venivano consegnati all’impresa appaltatrice.

Il 18 dicembre 2015, i lavori venivano finiti.

Il 5 novembre 2015, la Giunta Municipale approvava una perizia di variante in corso d’opera, ammontante a complessivi 4.058.210,63 euro, di cui 3.170.907,22 per lavori al netto del ribasso del 33,7767% e 887.303,40 per somme a disposizione dell’Amministrazione.

Il 31 dicembre 2015, l’ammontare delle spese complessivamente sostenute e rendicontate dal Comune di Misterbianco, a valere sul PO FESR 2007/2013, risultava pari a 3.784.462,92 euro.

Il 31 agosto 2017, la Giunta Municipale approvava il Quadro Economico Finale, con una spesa complessivamente sostenuta per l’intervento di 4.023.716,08, euro, di cui 3.784.462,92 euro a valere a valere sulle risorse della Linea d’intervento 6.1.3.4 del PO FESR 2007/2013 per spese sostenute e rendicontate al 31 dicembre 2015; 239.253,16 euro per completare l’intervento a valere sulle risorse della programmazione complementare (art. 15 L.R. n.8/2016).

Rosario Nastasi
Seguimi

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?
Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi