Parcometri, altri due scassinati ma nessun bottino per i ladri Sono sprovveduti ladruncoli o danneggiatori seriali? Tentato furto con scasso o vandalismo?

Uno in via Giordano Bruno, l’altro in via Kennedy. Altri due parcometri presi d’assalto dagli scassinatori. È successo probabilmente nella notte tra il 3 e il 4 ottobre, perché i danneggiamenti sono apparsi nella giornata di giovedì. Le somme, ben custodite all’interno degli apparecchi, non sono state portate via.

I due apparecchi, ormai fuori servizio, sono stati sigillati in attesa di essere ripristinati. L’episodio è il terzo dell’anno, dopo quello che ha interessato l’apparecchio di piazza Indipendenza. Della vicenda si occupano le forze dell’ordine: polizia locale e carabinieri della tenenza.

Evidenti i disagi di chi, dovendo parcheggiare, deve trovare sistemi alternativi per dotarsi del relativo ticket: o la ipertecnologica ‘app’ da smartphone o il ritorno al vecchio e sempre valido biglietto ‘da grattare’ e acquistare in un esercizio commerciale.

Operazione quest’ultima che appare sempre più ardua, visto l’avvento degli apparecchi per la sosta: alcuni commercianti tengono i ticket fino a esaurimento delle scorte, pochi altri ne fanno ancora richiesta al Comune, altri ancora li tornano a chiedere se vicini ad apparecchi fuori servizio.

A questo punto sorge spontanea un’altra domanda: dato il magro bottino che si potrebbe trovare all’interno dei parcometri e vista la difficoltà ad aprire le cassette, siamo davanti a ladruncoli sprovveduti o a danneggiatori seriali?

In ogni caso, alla ribalta torna la questione sicurezza e sorveglianza del territorio cittadino. E, visti i precedenti, non c’è da stare tranquilli.

(Nella foto, il parcometro di via Giordano Bruno e un suo particolare)

Rosario Nastasi
Seguimi

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?
Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi