Radon in ambienti chiusi, una ricerca con l’ARPA: sicure le scuole del Catanese I risultati nella giornata-studio nella sede della Città metropolitana di Catania

Nelle scuole superiori del territorio etneo la concentrazione media annua di radon è al di sotto della soglia di pericolosità. È il risultato di una ricerca, promossa dalla Città metropolitana di Catania e dall’Azienda regionale per la protezione dell’ambiente (Arpa).

Il radon è un gas naturale che non si vede e non si sente, ma è presente nelle nostre case. È nocivo per la salute e, secondo le statistiche mediche, è la seconda causa di insorgenza di tumore al polmone: vi è infatti una elevata correlazione tra esposizione al radon e comparsa di neoplasie.

Nella ricerca, per un intero anno è stata monitorata la presenza dell’agente inquinante in quindici istituti scolastici del comprensorio catanese e di competenza dell’Ente Città metropolitana.

La media del radon rilevato è di 80bq (Bequerel) per metro cubo, cioè molto al di sotto della soglia di pericolo che è di 500bq (per la legge italiana) e di 300bq per le direttive europee non ancora recepite nel nostro Paese.

Per due semestri consecutivi nelle aule, corridoi e ambienti comuni degli edifici scolastici sono stai collocati sessanta dosimetri CR-39, che hanno rivelato dati sul gas tossico, poi analizzati dai tecnici. Il campione ha privilegiato gli edifici con piano interrato e seminterrato, dove si presume che sia maggiore la concentrazione di radon, un gas che è incolore, insapore e inodore.

I risultati confortanti delle analisi sono stati resi noti nella giornata-studio svolta nella sede della Città metropolitana di Catania di via Nuovaluce.

I lavori sono stati introdotti dall’ingegnere capo dell’Ente Giuseppe Galizia che, tra l’altro, ha portato ai presenti i saluti del sindaco metropolitano, Salvo Pogliese; quest’ultimo ha anche trasmesso i complimenti ai professionisti impegnati nella ricerca per aver realizzato in house uno studio di notevole valore scientifico.

Ha proseguito il dott. Gaetano Valastro, direttore della struttura territoriale di Catania dell’Arpa che ha chiarito i dettagli del progetto-pilota inserito nel Piano Regionale Radon e a seguire la relazione dell’ingegnere Salvatore Roberti, responsabile dell’edilizia scolastica della Città metropolitana di Catania.

Gli istituti coinvolti nella ricerca sono stati: I.T.I.S. “Archimede”, I.S.“Maiorana-Arcoleo”, I.S. “G.De Felice Giuffrida-Olivetti”, T.N. “Duca Degli Abruzzi”, L.S.“Galileo Galilei”, I.S. “C.Gemmellaro”, I.I.S. “E. Fermi – R. Guttuso”, I.P.S.A. “A. Mazzei – Sabin”, I.I.S.“E. Fermi – Eredia”, I.S. “M. Amari”, L.S. “G. Lombardo Radice”, L. S. e L.“Principe Umberto di Savoia”, I.I.S. “Riposto”, S.T.C. “G. Russo”, L.C. “N. Spedalieri”, ricadenti nei comuni di Catania, Giarre, Riposto, Caltagirone e Paternò.

Hanno relazionato il dott. Daniele Schembri, dell’Ufficio Geologia e Geognostica dipendente della Città metropolitana e i tecnici Arpa dott. Antonio Conti, dott. Agata Vittorio, dott. Daniele Morelli, il dott. Salvatore Casabianca e il docente universitario di petrografia prof. Rosolino Cirincione.

I relatori hanno più volte ripetuto che è impossibile eliminare il radon, che è un gas di origine naturale. L’Etna, in particolare, in quanto costituito da lave e prodotti piroclastici, incide sulla presenza di questo gas.

Le principali fonti di radon sono il suolo, la natura delle rocce, i materiali di costruzione degli edifici e il loro anno di fabbrica. Il radon si propaga attraverso micro fenditure. Anche l’acqua di uso domestico può essere una fonte di radon, se proviene da pozzi profondi. Solitamente l’aria libera ha concentrazioni minime di radon e per questa ragione si raccomanda di arieggiare spesso i locali.

(Fonte: U.S. Città metropolitana di Catania)

Rosario Nastasi
Seguimi

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?
Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi