Regolamenti comunali, pioggia di pubblicazioni. Ma come trovarli? La presenza della commissione prefettizia ha velocizzato le procedure. Ma resta difficile l'accesso sul web

Quindici in tre giorni: col più antico risalente al 1997 e il più recente all’altro ieri. Sul portale web del Comune di Misterbianco fioriscono le pubblicazioni dei regolamenti comunali: sarà la concomitanza dell’attività ispettiva della Commissione d’indagine inviata dalla Prefettura?

Nel recente passato, la pubblicazione on-line dei regolamenti è avvenuta, ma sempre con molta calma. A volte pure troppa. Oggi i documenti riemergono dai cassetti degli uffici comunali, alcuni scrollandosi di dosso anni di polvere virtuale e di incuria esecrabile: è il caso del regolamento di polizia municipale, che nacque nel mese di gennaio 1997 e mai aggiornato; o quello che disciplina i mercati settimanali, del mese di febbraio 2000.

Tra i corridoi del Comune c’è una frenesia tutta nuova: la commissione pare stia mettendo sotto torchio i settori per raccogliere e vagliare documentazione che parte dal 2012. Che è poi il periodo da cui iniziano le intercettazioni contenute nell’ordinanza del gip del Tribunale di Catania, che ha disposto gli arresti domiciliari per il vice sindaco Carmelo Santapaola, in seguito all’operazione ‘Revolution bet 2’.

Lo scopo della commissione di accesso ispettivo, inviata dal prefetto di Catania Claudio Sammartino, è di “compiere accertamenti e approfondimenti per verificare l’eventuale sussistenza di forme di infiltrazione o di condizionamento di tipo mafioso” nel Comune di Misterbianco.

Ecco perché viene passata al setaccio l’azione amministrativa del Comune e tutte le altre attività correlate. Tra queste, l’esistenza e la pubblicazione sul sito web istituzionale dei regolamenti comunali.

Che cosa sono i regolamenti comunali e perché è importante esserne informati? I regolamenti sono ‘leggi comunali’. Come tali contengono indicazioni, obblighi, divieti, regole e prescrizioni rivolti a una vasta serie di destinatari: figure professionali, enti, associazioni e privati cittadini.

Attraverso essi, i Comuni disciplinano una serie indefinita di casi di propria competenza. In particolare, l’organizzazione e il funzionamento delle istituzioni e degli organismi di partecipazione, degli organi e degli uffici e l’esercizio delle funzioni, nel rispetto dei principi fissati dalla legge e dallo statuto.

I regolamenti comunali fanno parte di quel ‘patrimonio informativo pubblico’ che oggi si vuole venga valorizzato per consentirne il libero utilizzo. Attività che giova all’azione amministrativa e al rapporto fra cittadini e pubbliche amministrazioni in termini di maggiore trasparenza.

Così si accresce la responsabilità nella pubblica amministrazione e si consente una partecipazione più attiva dei cittadini nei processi decisionali delle amministrazioni pubbliche.

La possibilità di accedere e conoscere tali ‘leggi comunali’ è correlata alla loro disponibilità, oggi resa potenzialmente più ampia con la consultabilità telematica e digitale: invece di andare in Comune, basta consultarne il sito web.

Per tale motivo, i siti istituzionali dei Comuni hanno l’obbligo di creare un’apposita sezione, la cosiddetta ‘Amministrazione trasparente’, nella quale inserire tutto ciò che stabilisce un provvedimento.

Volete conoscere dunque che cosa dice il regolamento del Comune di Misterbianco per l’uso degli impianti sportivi, o per l’acquisizione di lavori e servizi in economia, o la disciplina dei mercati settimanali, o quello di ‘polizia mortuaria’?

Non è così facile. Pensate che basti attivare la funzione ‘Ricerca’? Illusi. Raggiungere la sezione che contiene i regolamenti è come una caccia al tesoro. Sono nascosti tra le pieghe di pagine e pagine.

È necessario mettersi pazientemente alla ricerca, lungo un percorso a ostacoli, ostico persino ai più abituati alla navigazione sul web: dalla home page, www.misterbianco.gov.it, occorrono ben quattro clic!

Che i regolamenti siano importanti, come la loro pronta accessibilità al cittadino-utente, lo hanno capito persino nel Comune di Pratola Serra, 3.863 abitanti, in provincia di Avellino: nel portale web dell’ente, il link alla sottosezione dei ‘Regolamenti comunali’ si trova già in home page, nella sezione ‘Trasparenza’. Un clic!

Comunque, pare che di regolamenti del Comune di Misterbianco ne manchino. Siamo ancora all’inizio. Attendiamo fiduciosi.

Rosario Nastasi
Seguimi

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?
Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi