Discarica, il consiglio comunale chiede la revoca dell’AIA. Corsaro: “Serve commissione d’indagine” 'Guardiamo Avanti': "Il rinnovo dell'autorizzazione non convince nessuno

Il consiglio comunale ha votato, ieri sera, all’unanimità un atto di indirizzo che chiede al presidente della Regione Nello Musumeci di revocare il rinnovo del decreto AIA 221/2019 alla discarica Oikos di Valanghe d’inverno. Il decreto, di fatto, allunga la vita della discarica di altri 10 anni. La concessione del rinnovo era stata denunciata già dai Comitati No Discarica di Misterbianco e Motta Sant’Anastasia.. Il sindaco Nino Di Guardo aveva parlato addirittura di “un clamoroso colpo di mano”.

Il gruppo ‘Guardiamo Avanti’ va oltre la decisione del consiglio comunale di ieri. “Ai sensi del regolamento comunale in materia – dice il capogruppo Marco Corsaro – chiediamo l’istituzione di una Commissione d’indagine incaricata di condurre accertamenti, ed esaminare atto per atto, le azioni messe in campo dal Comune di Misterbianco, e per il Comune di Misterbianco, riguardo la discarica Valanghe d’Inverno in contrada Tiritì”.

La proposta lanciata dal consigliere parte dall’atto di indirizzo approvato dall’assemblea comunale. “Si tratta di un documento più che condivisibile – osserva Corsaro – una votazione di un ordine del giorno che infatti ha trovato il sostegno di tutti. Ora, però, serve un ulteriore tassello per spezzare la maledizione della discarica”.

“Da decenni – ricorda il consigliere comunale – le vasche della Oikos rappresentano la più grande ‘questione’ ambientale del Catanese, un sito che accoglie i rifiuti di mezza Sicilia, attaccato a due città densamente popolate, come Misterbianco e Motta Sant’Anastasia. Ecco perché riteniamo che la meritoria e orgogliosa battaglia, condotta da tutte le forze del territorio, debba trovare un’indispensabile continuità attivando tutti gli strumenti di partecipazione di cui disponiamo. Questo consentirà a tutte le parti in causa, dai comitati “No Discarica”, alla politica locale, fino ai semplici cittadini, di esercitare pienamente un controllo democratico sulla battaglia più importante per il futuro di Misterbianco e dei paesi vicini”.

Il consigliere Corsaro aggiunge: “Il rinnovo dell’Aia non ha convinto nessuno, e infatti lo stesso presidente Musumeci ha subito insediato un gruppo di lavoro che a breve chiarirà quali sono le possibilità d’azione del Governo regionale. All’offensiva legale, alle manifestazioni, occorre allora affiancare subito una Commissione consiliare d’inchiesta che faccia chiarezza su tutti i termini dell’intricata vicenda, mettendo così i consiglieri comunali di Misterbianco, e dunque i cittadini che essi rappresentano, nella condizione di acquisire tutti gli elementi di conoscenza utili a vincere la battaglia contro la discarica”.

Condividi:

Redazione

La Redazione di Misterbianco 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi