L’ira di Di Guardo, Mattarella l’ha scampata bella Prima in conferenza stampa, poi in un post su Facebook il sindaco decaduto se la prende con tutte le istituzioni. Tranne una. Per ora

Per la serie “Il senso delle istituzioni per Di Guardo”, in appena due giorni abbiamo registrato: il Prefetto “ha preso un abbaglio”, il Consiglio dei ministri ha fatto un “crimine di Stato”, la magistratura “se aveva le intercettazioni perché non è intervenuta prima”. Per tutti, “o hanno le prove… oppure si devono dimettere”.

Nella cronologia degli eventi irosi del decaduto sindaco ce n’è per ognuna delle istituzioni coinvolte nello scioglimento del consiglio comunale, sia nel corso della conferenza stampa, sia nel post sul social dove annuncia il comizio di domenica sera (sempre che si faccia).

In quest’ultimo caso, Di Guardo addirittura arriva a chiedere le dimissioni (sic!) di quelli che non avessero le prove del condizionamento mafioso della vita del Comune.

Ma dimissioni di chi? Del Prefetto? Del Presidente del Consiglio dei ministri? Degli ufficiali e commissari ispettivi che per sei messi hanno rovistato negli atti amministrativi del Comune? Di quei magistrati che pur avendo le intercettazioni di ben tre operazioni non hanno agito prima?

Meno male che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, non ha ancora firmato il decreto. Altrimenti, avrebbe chiesto le dimissioni anche per lui. Almeno, per ora.

Rosario Nastasi
Seguimi

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?
Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi