Mercati Fase 2, prove di normalità: in piazza Pertini si riparte con tutti i settori merceologici Primo via sperimentale dopo la chiusura imposta dall'epidemia, tra restrizioni e speranze

Percorsi obbligati, distanze tra gli stand, utenti contingentati. Pronti? Via! Stamattina ai nastri di partenza del mercato settimanale di piazza Pertini si sono presentati tutti i settori merceologici ambulanti. Dopo la prova riservata ai soli alimentaristi di sabato scorso, la commissione straordinaria ha aperto, in via sperimentale e fino al 7 giugno, anche agli altri settori. Grazie anche alle recenti disposizioni emanate sia dal governo centrale sia da quello regionale

E grazie anche al protocollo d’intesa elaborato in Comune con le associazioni di categoria sulle procedure di sicurezza da adottare per contenere i rischi del contagio dell’epidemia da Covid-19. Misure organizzative necessarie a rispettare il contingentamento e il distanziamento degli acquirenti, nonché il distanziamento tra gli stalli degli operatori economici.

Inoltre, utilizzo da parte di tutti i commercianti dei dispositivi di sicurezza: guanti, mascherine, disinfettanti; delimitazione con apposite transenne del perimetro esterno dell’area dei mercati sprovviste di recinzione; un unico varco di accesso e vari di uscita, separati tra di loro; presenza all’ingresso e all’uscita di personale volontario di protezione civile per regolamentare l’accesso degli utenti, con termometro a distanza e gel disinfettante; ingresso ai fruitori consentito per un massimo di 30 persone a volta.

Tensioni e schermaglie iniziali non sono mancate stamattina. Gli operatori hanno accettato non senza qualche mugugno le nuove disposizioni strutturali, come il distanziamento tra i banchi, la predisposizione di corridoi destinati agli utenti del mercato e un “percorso a serpentone” da parte della polizia locale. Misure che si sono fatte risentire sulla usuale disposizione delle postazioni. Tanto che qualcuno, addirittura, ha preferito smontare la sua struttura di vendita e andare via già alle nove del mattino. Aggiungendosi a chi aveva preferito non presentarsi del tutto.

E che sia volato qualche “vaffa” ce lo hanno confermato anche i volontari della protezione civile che presidiavano i varchi d’accesso e d’uscita dell’area mercatale. Nessuna dichiarazione ufficiale invece dal comando di polizia locale che si ostina a negarsi ai microfoni di Misterbianco 3.0.

Per il resto, l’attività di vendita si è svolta con ordine e regolarità. Contrastanti i sentimenti registrati tra i venditori, divisi tra rabbia e amarezza per la chiusura obbligata di questi mesi, poco sostenuta dai sussidi governativi, e il necessario ottimismo per guardare al futuro.

Misterbianco, con Catania, Aci Catena, Mascalucia e Scordia è tra i pochi comuni del Catanese a far ripartire i mercati con tutti i settori merceologici. Proprio oggi, sul quotidiano La Sicilia, Pellegrino Soviero segretario regionale dell’ANA (Associazione nazionale ambulanti) segnalava alla giornalista Maria Elena Quaiotti, che «i maggiori problemi li abbiamo a Caltagirone: si tratta di 309 operatori da sempre in centro storico e anche ad Acireale e Riposto».

Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi