Erasmus+ KA2, quarto scambio: l’IC Gabelli riapre le porte all’Europa e ospita la “mobilità virtuale” A marzo, il progetto aveva subìto uno stop forzato a causa della pandemia. Cinque giornate on line fino al 10 dicembre

Si è aperta ufficialmente aperta mercoledì 2 dicembre, la mobilità virtuale ospitata dall’IC A. Gabelli di Misterbianco in occasione del quarto scambio tra gruppi di alunni del progetto Erasmus+ KA2 Partenariati Strategici per gli Scambi tra Scuole dal titolo “Bits and Pieces of Culture”. Avviato nel settembre 2018 e portato avanti con successo fino al febbraio 2020, nei primi di marzo a causa della pandemia il progetto aveva subìto uno stop forzato, proprio qualche giorno prima dello svolgimento della visita programmata in Italia.

In quella occasione alunni, docenti e famiglie dell’Istituto misterbianchese erano stati privati della possibilità di vivere l’esperienza Erasmus e ricambiare l’ospitalità già ricevuta in Croazia, Spagna, Polonia e Cipro.

Nonostante le difficoltà di questi mesi e l’impossibilità di viaggiare, la proroga del progetto fino a febbraio 2021 ha permesso alle sei scuole da Croazia, Spagna, Polonia, Grecia, Cipro e Italia di rimodulare tutte le attività in modalità online e tentare la via della sperimentazione “digitale”, legata all’organizzazione di mobilità virtuali per i rimanenti due scambi del progetto, in Italia e in Grecia.

«Poter ospitare una mobilità virtuale in questo particolare momento storico assume per noi un significato speciale; sperimenteremo insieme un modo nuovo di fare Erasmus. Il mio augurio è che quest’esperienza possa aprire le nostre menti e piantare semi di speranza nei nostri cuori, portando avanti valori fondamentali per il programma Erasmus e per l’Unione Europea: interculturalità, sapere, rispetto e collaborazione. Cercheremo di trasmettervi la passione, il calore e l’energia della nostra terra anche a distanza».

Queste le parole finali pronunciate dal dirigente scolastico, Adriana Battaglia, durante la cerimonia d’apertura della mobilità per salutare i partner stranieri e dare ufficialmente il via alle cinque giornate di attività online (2-3-4-9-10 dicembre) incentrate sulla tematica “monumenti e siti UNESCO”.

Sentimenti di emozione, gioia e commozione hanno accompagnato la prima giornata della mobilità. Un gruppo di studenti italiani, in rappresentanza di tutta comunità scolastica, ha dato il benvenuto ai partecipanti cantando, suonando e ballando all’insegna del folklore siciliano.

«Soprattutto in questo periodo, attribuiamo un’importanza ancora maggiore alla possibilità di stabilire un contatto con il resto d’Europa e superare le barriere fisiche anche grazie al supporto della tecnologia digitale» ha dichiarato la prof.ssa Licia Arcidiacono, referente del progetto per l’istituto misterbianchese.

«Negli scorsi due anni, più di 80 alunni della nostra scuola hanno preso attivamente parte al progetto, contribuendo allo svolgimento delle attività insieme agli altri studenti dei paesi partner. A marzo l’intera comunità scolastica dell’IC A. Gabelli si era preparata ad accogliere le cinque delegazioni straniere a Misterbianco, ma purtroppo i fatti recenti ci hanno come ‘strappato’ questa straordinaria opportunità, lasciandoci dentro un grande senso di delusione e tristezza; è anche per questo motivo che oggi abbiamo deciso di intraprendere questa nuova sfida… siamo pronti a far riaccendere la magia dell’Erasmus attorno a noi, nonostante le difficoltà oggettive. Anche se diversa, siamo certi che sarà comunque un’esperienza unica».

Condividi:

Redazione

La Redazione di Misterbianco 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi