Eruzione, INGV Osservatorio Etneo: «Attività a partire dalle 22.50: due colate laviche» Le fessure si sono aperte sul fianco meridionale del cratere di sud-est

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che a partire dalle 22,50 circa UTC le telecamere di sorveglianza mostrano un significativo decremento dell’attività esplosiva al cratere di Sud Est. Inoltre, riguardo all’attività effusiva riportata nel comunicato precedente (comunicato Etna – aggiornamento n° 91), questa è prodotta da due fessure eruttive apertesi sul fianco meridionale del cratere di sud Est.

Le fessure alimentano due colate laviche che si propagano in direzione Sud Ovest e Sud, i cui fronti al momento rimangono confinati ad una quota di circa 2850m slm.

I valori dell’ampiezza del tremore vulcanico permangono su livelli alti, anche se si osserva una diminuzione dei valori a partire dalle 22:10 UTC circa. La posizione del centroide delle sorgenti del tremore vulcanico è rimasta sostanzialmente invariata rispetto all’ultimo aggiornamento.

Si osserva anche una diminuzione dell’attività infrasonica ed in particolare dell’ampiezza del tremore infrasonico, mentre rimangono su un livello alto il numero è l’ampiezza degli eventi infrasonici.

In concomitanza della massima attività, le deformazione del suolo hanno misurato, nelle stazioni CDV e CBD, una variazione di tilt dell’ordine di 0.1 microrad. Al momento le reti di monitoraggio delle deformazioni non segnalano variazioni significative.

Condividi:

Redazione

La Redazione di Misterbianco 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi