Covid19, ospedale di Acireale: risultati promettenti da terapie sperimentali con Baricitinib/Remdesivir Rapisarda: «Sino a oggi abbiamo potuto osservare risultati positivi, confermati anche dai controlli radiografici. Siamo riusciti a evitare intubazioni».

Venti pazienti trattati, conferme radiografiche, evitate intubazioni. È il risultato promettente della terapia sperimentale contro il Covid-19 utilizzata presso la Terapia Intensiva dell’Ospedale di Acireale. Si tratta di un trattamento off label (fuori indicazioni) che combina l’uso dell’antinfiammatorio Baricitinib e dell’antivirale Remdesivir.

«Abbiamo iniziato lo scorso 8 dicembre spiega il direttore dell’UOC di Anestesia e Rianimazione di Acireale, dr. Giuseppe Rapisarda (nella foto) – e sino a oggi abbiamo potuto osservare risultati positivi, confermati dai controlli radiografici. Siamo riusciti, anche, a evitare intubazioni».

Dai dati raccolti dall’equipe dell’UOC di Anestesia e Rianimazione acese emerge che la nuova terapia favorisca migliori tempo di recupero e riduca il rischio di intubazione per i pazienti sottoposti a ventilazione non invasiva. Ridotti anche la degenza media e l’indice di mortalità. Sono risultati incoraggianti che presto saranno presentati alla comunità scientifica.

«La combinazione dei due farmaci è stata discussa su diverse riviste scientifiche – aggiunge il dr. Rapisarda – dopo averne approfondito la conoscenza abbiamo attivato, presso la Direzione Sanitaria Aziendale, la procedura di autorizzazione al suo utilizzo. Ringrazio il direttore generale, dott. Maurizio Lanza, e il direttore sanitario, dr. Antonino Rapisarda, per avere approvato questo trattamento che ci ha dotato di una ulteriore opportunità di cura. Ringrazio il commissario per l’emergenza Covid, dr. Pino Liberti, per aver seguito on attenzione questo percorso. Rivolgo la mia gratitudine ai colleghi dell’area Covid del nostro Ospedale, per le sinergie create, e ai miei collaboratori per il grande lavoro svolto e l’esemplare condotta professionale».

Sono 20 i pazienti ad essere stati trattati con questa associazione di farmaci che ha permesso a 5 pazienti, con ventilazione non invasiva, di essere trasferiti in Riabilitazione dopo una degenza media di circa 10 giorni. Dei 15 pazienti sottoposti a ventilazione meccanica invasiva, invece, 11 sono stati estubati dopo 12 giorni (6 dei quali sono stati trasferiti in Riabilitazione), e 1 è ancora in trattamento. 3 i decessi verificatisi per complicanze dovute a patologie pregresse e/o croniche.

Apprezzamento e gratitudine a tutti gli operatori per l’encomiabile lavoro che li vede in prima linea è espresso dalla Direzione Aziendale dell’Asp di Catania, guidata dal dott. Maurizio Lanza.

«La sicurezza delle cure è e rimane il nostro obiettivo prioritario – afferma il direttore sanitario dell’Azienda catanese, dr. Antonino Rapisarda -. Seguiamo con attenzione gli sviluppi in campo farmacologico e non lesiniamo energie per la vaccinazione. Come sempre ribadisco l’appello a mantenere alta la guardia, rispettando tre semplici regole: utilizzare la mascherina, mantenere le distanze interpersonali, igienizzare spesso le mani».

In atto sono 4 i pazienti ricoverati presso la Terapia Intensiva del nosocomio acese.

Condividi:

Redazione

La Redazione di Misterbianco 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi