Incandidabili, la Procura chiede di procedere contro ex sindaco ed ex vice e rigettare le altre richieste Udienza camerale ieri al Palazzo di giustizia catanese. Tra quindici giorni la decisione

Avanti con l’incandidabilità per Nino Di Guardo e Carmelo Santapaola, rigetto per gli altri sette. Sono le richieste fatte dal pubblico ministero incaricato nell’udienza camerale di ieri 25 febbraio, davanti alla Prima sezione civile del Tribunale di Catania.

All’ordine del giorno: la proposta di incandidabilità, per lo scioglimento del Consiglio comunale di Misterbianco del 2019.

In discussione, le posizioni di nove amministratori: l’ex sindaco Nino Di Guardo, l’ex vice sindaco Carmelo Santapaola, l’ex assessore Stefano Santagati, per la giunta; l’ex presidente del Consiglio comunale Agata Pestoni e gli ex consiglieri comunali Marco Corsaro, Domenico Caruso, Riccardo La Spina, Andrea Rapisarda e Nunzio Santonocito, per i consiglieri comunali.

Alla proposta della Procura si è opposta l’Avvocatura dello Stato, in rappresentanza del ministero dell’Interno.

Il presidente ha rinviato le parti tra quindici giorni per la decisione finale.

La prima seduta per discutere le proposte di incandidabilità si era tenuta il 28 gennaio scorso. Con notevole sfasamento rispetto alla data di scioglimento risalente alla fine del mese di settembre 2019.

Condividi:

Redazione

La Redazione di Misterbianco 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi