Chiesa Madre, l’iniziativa di un gruppo di cittadini fa risuonare le seicentesche campane dell’orologio Con una colletta, raccolti 700 euro con cui è stato possibile riparare le campane della torre di proprietà comunale

Erano mute da mesi. Zittite da un guasto. Condannate al silenzio dai contenziosi. Ora hanno ripreso a far sentire i loro rintocchi. Le campane della torre dell’orologio della Chiesa Madre di Misterbianco sono tornate alla vita sonora grazie all’iniziativa di un gruppo di cittadini: con una colletta, hanno raccolto i 700 euro necessari a far intervenire la ditta specializzata, la Capanni Sicilia, e porre fine al silenzio dei bronzi seicenteschi .

La torre è di proprietà comunale: la manutenzione è di competenza pubblica. In altri tempi, data l’esiguità dell’importo, le amministrazioni avrebbero risolto magari con il ricorso all’affidamento diretto. Oggi, un contenzioso con la ditta, che rivendica un credito di circa 20mila euro per lavori svolti sotto la passata amministrazione, ha reso tutto come un ostacolo quasi insormontabile.

Ma i cittadini che frequentano la zona attorno alla Chiesa, chi vi abita da generazioni, chi vi è nato ma risiede altrove non si sono persi d’animo: con un rapido giro di intese hanno aperto i borsellini e raccolto la somma necessaria.

Ora la torre campanaria dell’orologio ritorna nel pieno delle proprie funzioni: serie completa di rintocchi ogni ora, uno a segnare il quarto d’ora e sosta nelle ore notturne. E torna a fare coppia con il meccanismo della vicina chiesetta di San Rocco. I rintocchi segneranno il tempo che passa, daranno la sveglia al mattino, cadenzeranno le assolate ore pomeridiane, inviteranno al rientro serale.

La vita del quartiere “Chiesa Madre” continua anche così.

Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi