“Assalto alla giunta/diligenza”, zitelli-western in salsa misterbianchese Diatriba sul posto di assessore interna alla lista "Insieme per Misterbianco". Come finirà?

Se fosse un film sarebbe uno spaghetti-western. Anzi uno “zitelli-western”. Giusto per mettere insieme formati di pasta e sponsor politici. Non si tratta però di richiami ai classici della tradizione hollywoodiana che raccontavano l’epopea della frontiera americana, con inseguimenti spesso cruenti e grandi performance di attori e stuntman.

Si tratta invece della diatriba che coinvolge la giunta municipale in formazione e i candidati più votati della lista “Insieme per Misterbianco”. Che avrebbe dovuto chiamarsi “Diventerà bellissima”, con tanto di imprimatur delle stesso presidente Musumeci e sponsor locale il deputato belpassese Giuseppe Zitelli. E che però nonostante le buone prestazioni di alcuni candidati non è arrivata nemmeno a superare la quota di sbarramento del 5 per cento. Cioè: nessun rappresentante in consiglio comunale.

Si tratta, dunque, di altri grandi classici. Cioè, di ciò che spesso succede al termine di tante elezioni amministrative. Dove i posti non sono sulla polverosa carrozza trainata dai cavalli, ma nella giunta municipale. I viaggiatori non sono madamine e giocatori di poker, ma gli assessori designati. Gli inseguitori non sono comanche o avventurieri messicani, ma i candidati che hanno racimolato gruzzoli di voti e che aspirano a una “automatica” promozione di viaggiatore/assessore.

Nel caso in questione, di posti ambiti ce ne sarebbe uno: quello occupato dall’assessore Giuseppe “Pippo” Bongiovanni. Già designato in prima battuta, e vergato sul programma, dall’allora candidato sindaco e ora primo cittadino Marco Corsaro, in quota alla lista di Musumeci-Razza-Zitelli.

A “inseguire la diligenza” sarebbero in tre: Giovanni Vinciguerra, già assessore nella giunta Caruso nel 2006 e padre della candidata Erika, prima arrivata nella lista e al 5° posto della classifica generale dei candidati votati con ben 379 voti; Riccardo La Spina, citato nella relazione per lo scioglimento ma dichiarato candidabile dal tribunale civile, secondo arrivato nella lista e che vanta l’8° posto in classifica generale con 363 voti; Dino Marino, il “Lord Brummel” della politica misterbianchese, che si è piazzato al 13° posto con 287 voti.

Gli ultimi due, nella scorsa legislatura, sedevano tra i banchi della maggioranza. Tutti e tre rivendicano di aver comunque portato i voti necessari perché Corsaro potesse arrivare e superare la quota fatidica del 40 per cento e diventare così sindaco di Misterbianco.

Come andrà a finire? Mettiamoci comodi in poltrona – anche senza popcorn – e lo vedremo. Buona visione!

Rosario Nastasi
Seguimi

Condividi:

Rosario Nastasi

Nasce a Misterbianco nel secolo scorso ma sfiderebbe volentieri Capitan Uncino. Si forma al Classico ma subisce il fascino delle Scienze: Biologia a Catania; Comunicazione a Cassino (Fr). Pubblicista dal 1992, è passato dalla carta stampata, alla Tv, alla radio, al web. Rugbista da giovane ma ora si logora le rotule al calcetto. C'è vita senza contraddizioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it