Paternò, i Carabinieri scoprono un magazzino-ricambi di auto rubate: due arresti Numerose le denunce di furti nei parcheggi dei centri commerciali. Contabilità per 46 automezzi

I furti di auto nei centri commerciali catanesi andavano a finire a Paternò: un capannone attrezzato per smontare i mezzi e come magazzino ricambi per marca e per modello. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Paternò hanno arrestato un 55enne paternese e un 30enne di Biancavilla nella flagranza di reato di riciclaggio aggravato e ricettazione in concorso, nonché proceduto al loro deferimento per attività di gestione di gestione di rifiuti non autorizzata.

L’operazione

Da tempo ormai i militari avevano concentrato la loro attenzione sul fenomeno dei furti di auto verificatisi, nell’ultimo trimestre, all’interno delle aree adibite a parcheggio dei numerosi centri commerciali presenti nel territorio della provincia.

Una scrupolosa attività info investigativa ha consentito di attenzionare un capannone sito in contrada Tre Fontane, lungo la SP. 58, in una zona immediatamente a ridosso del centro abitato di Paternò, ove, lo scorso pomeriggio, hanno pazientemente atteso l’arrivo del proprietario del capannone, giunto su una Jeep Renegade in compagnia del suo dipendente.

I due hanno appena avuto il tempo di entrare all’interno della struttura perché i militari hanno fatto irruzione, bloccandoli dopo aver constatato all’interno la presenza di un’incredibile quantità di parti meccaniche di autovetture, ovviamente di presumibile provenienza furtiva.

All’interno del capannone

Nel capannone, ancora quasi del tutto integra, i militari hanno rinvenuto non solo una Fiat Tipo oggetto di furto avvenuto domenica scorsa nel parcheggio di un centro commerciale sito in contrada Gelso Bianco di Catania, ma anche, pronte per la vendita a compiacenti acquirenti, le varie componenti di numerosissime autovetture già smontate, ordinate con sapiente accortezza.

All’interno del capannone era inoltre presente un’attrezzata officina per lo smontaggio delle autovetture mentre nel terreno aziendale di pertinenza, che è stato infatti sottoposto a sequestro, i militari hanno rilevato un’attività di smaltimento di rifiuti speciali pericolosi non autorizzata mediante lo sversamento di olii e idrocarburi esausti.

I due arrestati

In particolare, dai preliminari accertamenti, il 55enne risulta essere il titolare di una ditta operante nel settore del commercio di autoricambi usati, pubblicizzata peraltro sulla pagina degli annunci economici di un noto social network o in siti specializzati online presenti su Internet.

Il titolare e il suo “aiutante” 30enne avrebbero tenuto un’accurata contabilità delle almeno 46 autovetture, ormai “sezionate”, le cui componentistiche sono risultate essere già pronte per la spedizione a vari acquirenti su tutto il territorio nazionale: sono stati infatti rinvenuti dai militari appunti su un quaderno concernenti le disponibilità dei pezzi di ricambio suddivisi per marca e modello.

I provvedimenti giudiziari

L’autorità giudiziaria ha successivamente convalidato non solo l’arresto di entrambi, disponendone la sottoposizione agli arresti domiciliari per il 55enne e l’obbligo della presentazione alla polizia giudiziaria per il 30enne biancavillese, ma anche il sequestro dell’area.

Nei confronti del 55enne è stata altresì disposta la sospensione del beneficio della quota di denaro percepita dalla sua convivente grazie al reddito di cittadinanza.

IL VIDEO DEI CARABINIERI

 

Condividi:

Redazione

La Redazione di Misterbianco 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi