Discarica Oikos, i Comitati No Discarica: «Il Tar ci dà ragione: annullata l’autorizzazione del 2019» I giudici amministrativi hanno accolto i ricorsi dei Comuni di Misterbianco e Motta S.A. e degli ambientalisti

Accolti i ricorsi, annullata l’autorizzazione. Esultano i Comitati No Discarica di Misterbianco e Motta Sant’Anastasia. Ma è solo l’ennesimo episodio della lunga telenovela che li vede contrapposti alla discarica Oikos di contrada Valanghe d’Inverno a Motta Sant’Anastasia?

Intanto, i Comitati danno notizia della ultima decisione del Tar di Catania. Ecco il contenuto della nota diffusa oggi.

“Il TAR di Catania annulla il decreto di rinnovo con propria sentenza, decisa in camera di consiglio il 27 aprile 2022, ma pubblicata il 14 giugno 2022, accoglie i ricorsi dei comuni di Misterbianco e Motta Sant’Anastasia e delle associazioni ambientaliste e annulla il D.R.S. n. 981 del 2019 con il quale l’Assessorato dell’Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità della Regione Siciliana ha rinnovato l’Autorizzazione Integrata Ambientale alla Oikos per l’esercizio della discarica di Valanghe d’Inverno a Motta Sant’Anastasia. Il tribunale amministrativo dispone inoltre l’invio della sentenza alla Procura della Repubblica di Palermo e di Catania per eventuali valutazioni di rispettiva competenza”.

Per i Comitati si tratta di «una sentenza che attendevamo e che ci soddisfa». «Arriva finalmente uno squarcio di verità e diritto – affermano nella nota – se non ancora di giustizia» in una vicenda che definire annosa è limitativo.

«Un risultato che dedichiamo al nostro caro Santo Gulisano, attivista e anima del Comitato, recentemente scomparso – ricordano i Comitati – senza il cui lavoro non sarebbe stato possibile neanche porre la questione, determinante nella valutazione dei giudici, della particella 131. Un grazie va ovviamente agli avvocati, e anche a chi, come l’ing. Di Rosa, ha assunto nel tempo posizioni che non erano né sicure, né convenienti, né popolari. Posizioni che ora anche il TAR riconosce come giuste».

Con una punta di realismo, i Comitati però si chiedono: «Cosa succederà adesso, in mano agli stessi politici e agli stessi tecnici che hanno perseverato nell’errore, nella cecità, nella elusione di ogni più elementare norma di diritto pur di proseguire ad abbancare rifiuti in una discarica abusiva, non siamo in grado di prevederlo».

«Troppe volte abbiamo esultato – spiegano infine – credendo di aver raggiunto un punto di non ritorno nell’accertamento delle stesse illegittimità diffuse ed ora verificate anche dal TAR Catania. Di certo ci sarà la nostra presenza vigile, fervida e attenta, a difesa delle nostre comunità!»

Cliccare sul link per scaricare la sentenza

Sentena TAR Oikos 14-6-22

Condividi:

Redazione

La Redazione di Misterbianco 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi