Regionali 2022, l’ex Pd Villari va con Cateno De Luca. E attacca il segretario regionale Barbagallo Nota dell'ex segretario provinciale del Partito Democratico a pochi giorni dall'ufficializzazione delle liste

«Ho deciso di dimettermi da Segretario Provinciale del PD e da tutti gli organismi di partito ed ho anche rimesso la tessera già sottoscritta. È un momento di grande dolore e amarezza, ma non posso accettare che il Partito per cui io e un’intera comunità politica ci spendiamo da decenni possa mortificare il suo segretario con tecniche subdole e pretesti inaccettabili che nulla hanno a che vedere con la politica e con la nostra tradizione, né con legge, il codice antimafia e lo statuto del partito».

Così esordisce Angelo Villari, ormai ex segretario provinciale del Partito Democratico, con una sua nota dove annuncia le dimissioni e il passaggio a sostenere il candidato di “Sicilia Vera” Cateno De Luca.

«Non posso accettare – continua Villari, con un chiaro riferimento ad Anthony Barbagallo, segretario regionale del Pd siciliano – che un partito Regionale e il suo segretario non tutelino il Segretario provinciale dello stesso partito, così come il gruppo dirigente e gli iscritti. Sono stato lasciato solo, hanno lasciato in silenzio che venisse macchiata la mia immagine, la mia dignità. Sono stato appeso ad un filo per giorni, a fronte di un banale pretesto senza fondamento giuridico, peraltro non utilizzato per la capolista al proporzionale del collegio di Acireale, Valentina Scialfa.

«In questo clima surreale – rincara – il Segretario Regionale in assoluta solitudine senza coinvolgere me e il gruppo dirigente regionale sulle scelta da fare è andato avanti senza rilasciare dichiarazioni pubbliche per tutelare la mia immagine e quella di altri dirigenti. Inoltre ho appreso perfino delle rottura coi 5 stelle dalla stampa».

«Non è questo il partito che ho contribuito a creare – sottolinea Villari – e che ho servito con lealtà e onore in tutti questi anni. È solo un contenitore vuoto, dove prosperano cinismo e personalismi; un partito che non può più rappresentarmi. Un partito che, in definitiva, lascio per il rispetto che devo alla mia dignità politica ed umana e alla mia onorabilità. Chiaramente il mio impegno non si fermerà e non verrà disperso. Perché questo vorrebbe chi ha tentato di mortificarmi in questi giorni».

E conclude con il clamoroso annuncio «Annuncio, pertanto, il mio impegno in prima persona in questa campagna elettorale a sostegno del candidato Presidente Cateno De Luca, con l’intenzione di portare avanti il profilo politico e le battaglie che mi hanno sempre contraddistinto forte dell’agibilità politica che in una lista indipendente mi viene garantita».

Condividi:

Redazione

La Redazione di Misterbianco 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Realizzato e gestito da You-Com.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi